lunedì 3 agosto 2015

La stanza vuota

Si ferma sulla soglia. E respira.
Guarda quella stanza vuota. E ricorda.

Le tornano in mente solo le cose brutte ma sa che, da qualche parte, nascoste, timide, ci sono anche quelle belle.

Fa un passo avanti sul tappeto morbido.
Eccole. Ecco dove si erano nascoste le cose belle. Nascoste nella trama del tessuto a solleticare i piedi nudi.

Ancora un passo e si sdraia sul letto. Guarda il soffitto. Un singhiozzo, due, tre. E poi basta.
Un tempo lei era capace di farsi pianti infiniti, ma ora non più. Forse ha finito le lacrime o i condotti che le potrebbero far vomitare tutto fuori si sono talmente ingarbugliati, stretti, attorcigliati che le rimane tutto dentro. Tutto dentro ad asciugarsi piano per lasciarla vuota e arida.

Ormai non c'è più nulla. Non c'è più la rabbia. Non ci sono le urla. La sua voce cattiva che la faceva sobbalzare. La sua voce gentile che la faceva sorridere.

Si alza.
Torna alla porta. La riattraversa e se la chiude alle spalle.

NdA: solo parole ritrovate oggi facendo ordine tra vecchi fogli.

2 commenti:

AD Blues ha detto...

E se questa è la qualità del materiale di scarto figuriamoci quello buono!

---Alex

Rabb-it ha detto...

Domani sarà un mese.
Coincidenze.
No, niente.
Il magone sarebbe stato in agguato lo stesso.

http://latanadirabb-it.blogspot.it/2010/08/una-sola-candela.html

(Nei commenti là... la spiegazione al mio commento qui)

Ciao.
E grazie.

 

Blogger news

Blogroll

About