lunedì 30 settembre 2013

In scena

Paolo sparì. Bianca inciampò. L'Albero cadde. Il pubblico si assiepò all'uscita secondaria. L'attrice urlò di fronte all'immagine deturpata allo specchio. Il teatro bruciò dalle propria fondamenta.

Paolo scappò verso la periferia, lontano da Bianca che giaceva a terra, lontano dall'albero tagliato alla base, lontano dal pubblico che gridava, lontano dall'attrice e la sua disperazione, lontano dalle fiamme che divoravano arte e sogni.

Bianca si asciugò le ferite con un fazzoletto rubato a Paolo, si sedette sui resti dell'albero, salutò il pubblico in fuga, osservò compiaciuta il dolore della rivale, si specchiò nelle lingue di fuoco che salivano al cielo.

L'albero dormì il sonno del giusto sopra le assi del palcoscenico, guardò le suole di Paolo che si allontanavano, accolse il corpo di Bianca, non udì la disperazione della prima donna, volò in alto con la cenere.

Il fiammifero prese vita. Il fuoco crebbe e portò via tutto: scenografie con un'anima, incidenti di scena e fuggiaschi senza spina dorsale.

E fu la Corsa. E fu l'Urlo. E fu il Tonfo. E fu la Fine.

E fu il Sipario.
Applausi.

30 Settembre

"Sometimes you want to go
where everybody knows your name,
and they're always glad you came:
you want to be where you can see,
our troubles are all the same;
you want to be where everybody knows your name"
(1982)

domenica 29 settembre 2013

29 Settembre

"Vattinni chista è terra maligna!
Fino a quando ci sei ti senti al centro del mondo, ti sembra che non cambia mai niente. Poi parti. Un anno due, e quanno torni è cambiato tutto: si rompe il filo. Non trovi chi volevi trovare. Le tue cose non ci sono più. Bisogna andare via per molto tempo, per moltssimi anni, per trovare, al ritorno, la tua gente, la terra unni si nato. Ma ora no, non è possibile. Ora tu sei più cieco di me."
(1988)

sabato 28 settembre 2013

28 Settembre

Guido lungo una strada spenta. Un quartiere spento. Una città spenta. Un'Italia spenta.
(2003)

venerdì 27 settembre 2013

giovedì 26 settembre 2013

26 Settembre

Con lo sguardo rivolto in alto controllo i danni.
11:42
La terra trema ancora.
Gli affreschi anche.
Un attimo che pare infinito. Il crollo. La polvere copre tutto. Anche me.
 
(1997)

mercoledì 25 settembre 2013

martedì 24 settembre 2013

lunedì 23 settembre 2013

23 Settembre

Assisto alla nascita della Fenice destinata a divenire Volpe di Fuoco.
(2002)

domenica 22 settembre 2013

sabato 21 settembre 2013

21 Settembre

"Quando moriremo, nessuno ci verrà a chiedere quanto siamo stati credenti, ma credibili"
Oggi mi uccidono. Sono Rosario Livatino.
(1990)

venerdì 20 settembre 2013

20 Settembre

"Our 'war on terror' begins with al-Qaeda, but it does not end there. It will not end until every terrorist group of global reach has been found, stopped and defeated."
(2001)

giovedì 19 settembre 2013

19 Settembre

Finalmente mi ritrovano.
Sono rimasto solo, bloccato tra i ghiacci, per troppo tempo. 
5 millenni. Anno più, anno meno.
(1991)

mercoledì 18 settembre 2013

Pancrazia in Irpinia (Quinta Parte)

La prima sera di bisboccia irpina la trascorsi in mezzo a un gruppo di personaggi degni di un fumetto.
Questi erano:

  • SuperGra'
Eroina impegnata a far trionfare il bene e la bellezza.
Di lei sapete già tutto, no? Come no? Ma io che scrivo a fare?
SuperGra' è un'amica storica, una compagna di Erasmus, una sposa scatenata.

  • L'IncredibileAntonio.
Marito devoto della suddetta. Di lui non sapete un granché poiché, come mi è stato fatto notare, "Hai scritto 10 post sul MIO matrimonio e mi hai nominato una volta sola, di sfuggita!"
Egli ha ragione ma, a mia parziale giustificazione, vorrei ricordare che lo incontrai per la prima volta solo la sera prima delle nozze, e ci scambiai in tutto dalle 5 alle 10 parole. Di che cavolo avrei potuto scrivere?
Ma non temete, quest'estate l'ho conosciuto meglio e quindi, per la sua la mia e la vostra gioia, presto condividerò col mondo tutti i più succosi, spinosi e, se necessario, fantasiosi particolari che lo riguardano.
Hai voluto la bicicletta Anto'?

  • WonderVivì
Appena tornata dal Grande Nord dedica tempo e passione alla sua terra natia. Tanto amore verrà mai ricompensato? Chi può dirlo? Intanto lei non si risparmia, costantemente messa alla prova da ciò che è e ciò che potrebbe essere. Ciò che c'è di bello e ciò che potrebbe esserlo ancora di più.

  • BatDoriana
Vive in una bat-caverna che, ad un occhio poco esperto, potrebbe sembrare una semplice taverna. Niente di più sbagliato! Quelle quattro mura racchiudono mille gadget provenienti da ogni luogo e da ogni tempo. Ella li utilizza per allestire piacevoli serate tra supereroi, e ordire piani per eliminare il suo acerrimo nemico: la banda di Milk&itsDerivatives.

  • Antonio2LaVendetta 
Commercialista di giorno, tuttofare per il resto del tempo.
Più che un supereroe un genio della lampada. Avete bisogno di deliziosi fiori di zucca? Una cuccia per cani completa di ogni optional? Una chitarra? Un maestro di chitarra? Una fotografia in bianco e nero? La pace nel mondo? Chiedete a lui e sarà fatto!


Come potrete ben immaginare, in mezzo a tali personaggi mi sentivo al sicuro come un pupo in braccio alla sua mamma. E fu così che, senza paura, potei trascorrere le ore successive al tramonto in un luogo unico nel suo genere.
Un centro ove tutti gli abitanti si chiamano Pompilia o Pompilio, ove i costumi sono facili e disinibiti, ove la legge è un concetto relativo, ove la pizza è deliziosa.
Potrei dirvi il nome del paese, ma poi sarei costretta ad uccidervi.

Accontentavi, dunque, di restare nella vostra ignoranza e attendete fiduciosi il prosieguo delle mie avventure.

Continua...

18 Settembre

Parto con Joshua e la storia finisce.
(2009)

martedì 17 settembre 2013

17 Settembre

Torno al lavoro. 
Riapre la borsa di New York. Riapre dopo l'attentato di soli sei giorni fa.
(2001)

domenica 15 settembre 2013

15 settembre

Mi colpiscono alle spalle.
Non mi stupisco.

"Nessuno ha un amore più grande di questo: dare la vita per i propri amici" 
(Gv 15,13)
(1993)

sabato 14 settembre 2013

14 Settembre

"Dal Teatro Parioli in Roma va ora in onda il Maurizio Costanzo Show!" 
(1982)

venerdì 13 settembre 2013

giovedì 12 settembre 2013

12 Settembre

Corro i duecento metri in diciannove secondi e settantadue centesimi.
(1979)

mercoledì 11 settembre 2013

Pancrazia in Irpinia (Quarta Parte)

A differenza dell'estate precedente, questa volta feci il viaggio sopra un autobus comodo e dotato di aria condizionata. Una vera sciccheria. Una bellezza con persino i posti prenotati. Peculiarità di cui mi avvidi solo dopo il terzo sfratto.

"Scusi quello è il mio posto", mi disse un vecchietto zoppicante.
"Ma certo", mi alzai solerte pensando di aver usurpato il diritto di un disabile.
"Scusi là...", mi disse una ragazzina.
"Ok, per me è lo stesso", mi alzai molto meno solerte, pensando che la cafona volesse mettersi vicino alla sua amica del cuore e, per questo motivo, non si facesse remore d'infastidire le persone educate ed accomodanti come me.
"Scusi..."
"E no, eh! Di nuovo?"
"Beh, ma io ho il 41 e quello è il 41, no?"
"Ma ci sono i posti prenotati?"
"Certo. Guardi il suo biglietto. Vede. Qua. Lei ha il 60. Sessanta. Sei Zero", mi spiegò una signora scandendo le parole come se mi credesse straniera o cretina. Come se.

Ma stenderei un pietoso velo sull'increscioso episodio, premunendomi però di giustificarlo con: stanchezza, mancanza di sonno, colpi di calore, pneumatici forati, eccessivo costo del taxi, tragedie familiari passate presenti e future, crolli di edifici, terremoti, inondazioni e cavallette! Le cavallette!
Non è stata colpa mia!
Io non sono così rimbambita era il numero ad essere scritto piccolissimo!
Lo giuro!



Ma torniamo all'autobus e ai miei compagni di viaggio. Questi erano tutti diretti nel foggiano.
Ridente zona che, per me, significa una cosa sola: taralli. I taralli di Cerignola! Anzi Cerignöla!
Ogni volta che mia zia, sposa di un cerignolano D.O.C., torna dalle sue vacanze pugliesi e riguadagna le sponde del Po, io l'accolgo con tutti gli onori. E lo faccio solo per interesse, che sia ben chiaro! Lo faccio per la mia dose annuale di taralli. Dose che non dura mai abbastanza.
Raramente mi lascio tentare e li compro anche qua, ai piedi delle fredde Alpi. Ma non c'è niente da fare: m'imbatto sempre in pallide e tristi imitazioni.
Il tarallo cerignolano è una forma d'arte locale, irripetibile altrove.(*)

Fu per questa mia debolezza che, nonostante la stanchezza, non mi appisolai neanche un minuto. Troppo forte era la tentazione di cercare soci per il trasporto e lo spaccio di deliziosi manufatti gastronomici dalla Puglia a Torino. Da Cerignola a casa mia.
A impedire che mi mettessi a importunare chicchessia bastarono, per fortuna, la timidezza e il desiderio di mantenere il faticosamenteraggiuntopesoquasiforma.

Fu dunque un lungo viaggio, all'insegna della stanchezza e dell'ipersalivazione.
Quando finalmente arrivai a destinazione, a scendere dal mezzo non fu una fascinosa blogger ma uno straccetto informe e, mi duole dirlo ma il dovere di cronaca lo richiede, francamente bruttino.

Ad aspettarmi trovai la mia amica Gra' che, invece, splendeva di luce propria.
"Ciao Jane!"
"Azz Gra', ma quanto bella sei? Hai deciso di mortificarmi? Ti odio!"
"Davvero?"
"No, ti voglio ancora bene, ma in questo momento mi stai un poco sulle palle!"

E così, dopo baci ed abbracci, salimmo in macchina e ci avviamo verso l'inizio ufficiale delle mie vacanze. Destinazione: una doccia, prima, e una pizza, poi.

Non una pizza qualunque. La pizza di Zì Pumpilia.

Continua...

(*) Nel caso in cui qualche lettore pugliese desideri spedirmi prova della bontà dei taralli provenienti da altri centri del tacco, sarò felice di fornire il mio indirizzo privatamente.

11 Settembre

Guardo i corpi precipitare al suolo.

(2001)

martedì 10 settembre 2013

10 Settembre

"I'm worse at what I do best
And for this gift I feel blessed
Our little group has always been
And always will until the end"

(1991)

lunedì 9 settembre 2013

9 Settembre

Mi consegnano il Leone d'Oro alla carriera.
Faccio la mia migliore espressione "senza cappello".
(2000)

domenica 8 settembre 2013

8 Settembre

Lo faccio per l'ultima volta.
Lo facciamo per l'ultima volta.
Pistola e coltello. Assassini e compagni di merende.
 
(1985)

sabato 7 settembre 2013

7 Settembre

Provano ad uccidermi. Non ci riescono.
Dio è dalla mia parte.
(1986)

venerdì 6 settembre 2013

giovedì 5 settembre 2013

mercoledì 4 settembre 2013

4 Settembre

Mi chiamo Lawrence, Larry per gli amici.
Il mio socio è Sergey.
Un anno fa abbiamo messo in rete il nostro gioiello. 
Oggi fondiamo ufficialmente la nostra azienda: la Google Inc.

Sì, siamo schifosamente ricchi.
(1998)

martedì 3 settembre 2013

3 Settembre

Sono testimone di uno dei più disumani atti di terrorismo che la storia ricordi.
Sono una madre di Beslan.
 
(2004)

lunedì 2 settembre 2013

2 Settembre

Ci rapiscono a Beirut.
Siamo due giornalisti italiani. Io mi chiamo Graziella. Il mio collega Italo.
Nessuno di noi tornerà mai più a casa.
(1980)

domenica 1 settembre 2013

1 Settembre

Dopo 143 giorni e 5373 chilometri devo smettere di correre.
Il mio nome è Terry Fox.
(1980)
 

Blogger news

Blogroll

About