sabato 30 marzo 2013

10 buoni motivi per commentare un post su Radio Cole

Commenta se
1) ciò che ho scritto ti è piaciuto
2) ciò che ho scritto ti ha fatto schifo
3) ciò che ho scritto ti ha fatto ridere
4) ciò che ho scritto ti ha fatto piangere
5) pensi di poter apportare un contributo alla discussione
6) hai voglia di lasciare un saluto
7) hai voglia di fare gli auguri di buon Natale/compleanno/Pasqua a me o a chicchessia
8) non te ne frega niente del post ma vuoi rispondere a un commento interessante
9) ti è venuta in mente una battuta spiritosissima e vuoi condividerla con gli altri
10) ti è venuto in mente un pensiero profondo e tristissimo e vuoi condividere pure questo con gli altri.

Ma no, no, no e ripeto NO! Non lasciare un commento nel caso in cui il tuo unico scopo, per di più nascosto e dunque vile, sia quello di attirare l'attenzione di un altro lettore.
Se vuoi sedurre, eccitare, irritare, disturbare un tuo ex amico, fidanzato o compagno di classe cerca di avere la decenza e la buona creanza di non usare questo spazio.
Così io non m'incacchio e pure tu, tutto sommato, ne guadagni in dignità.

Io metto questo spazio a disposizione di tutti, con tutto il cuore.
Ma anch'io ho i miei punti deboli. Neanche io sono così fessa buona!
Se mi accorgo di venir usata, e se usi Radio Cole usi me, divento carogna ma così carogna che pure l'ex amico, fidanzato o compagno di classe al confronto ti sembrerà un agnellino.

Se dopo aver letto il post stai pensando: "Ma non ce l'avrà mica con me?"
Probabilmente sì, ce l'ho con te. E vedi di darti una regolata.

Se, invece, stai pensando: "Ma che si è fumata?"
Probabilmente sei innocente e puro come un giglio. Questo post non ti riguarda e io ti voglio bene. Continua a commentare per tutti i 10 motivi suddetti e per altri 1000 che ti vengono in mente!

venerdì 29 marzo 2013

mercoledì 27 marzo 2013

L'amicizia ai tempi delle cornicette

L'altro giorno, di punto in bianco, mi è tornato in mente il libro delle cornicette.
Voi ce l'avevate il libro delle cornicette?
La mia maestra di prima elementare, l'anziana Giannetta che venne poi sostituita dalla giovane Egle, ne possedeva diverse versioni. C'era quella delux, quella intermedia e quella per bambini particolarmente imbranati.
Pagine e pagine di cornicette da copiare sul proprio quaderno per dividere le lezioni dai compiti, l'italiano dalla matematica, le note dai bei voti.
Credo che, in realtà, la vera funzione di questi grafici orpelli fosse rendere noi giovani neoalfabetizzati più abili con penna e matita, meno impacciati nei movimenti, più disinvolti nell'approccio alla scrittura.
Insomma, le cornicette dei miei tempi erano la versione moderna e creativa delle "aste" delle generazioni a me precedenti.

Perché vi sto dicendo tutto questo?
Perché il ricordo delle cornicette e, soprattutto, dell'assurdo libro che ne custodiva al proprio interno millemilioni di differenti versioni, si è tirato dietro tutta una serie di memorie e riflessioni strettamente legate ai miei anni delle elementari.
Anni durante i quali si poteva tenere il mondo in ordine con l'uso di semplici disegni geometrici ad ornare una pagina.
O questo è un falso ricordo? Una ricostruzione faziosa del tempo che fu?
Forse, a guardar bene, ad osservare più da vicino, si riescono a vedere anche le scalfiture, le ammaccature dell'imperfetto tempo andato.
Forse anche quelli erano anni incasinati, anni di delusioni e traumi, anni di rapporti appassionati e burrascosi.

Ve la ricordate l'amicizia ai tempi delle cornicette?
Io sì.
Mi ricordo soprattutto le mie tre migliori amiche. Le mie tre compagne di classe preferite.
Noi ci muovevamo sempre in quattro: Annamaria, Stefania, Ida ed io.

Il padre di Annamaria lavorava in banca. La madre insegnava inglese. Nelle dinamiche interne della mia proletarissima scuola elementare, ciò era più che sufficiente per darle un ruolo privilegiato, per metterla sopra un piccolo invisibile gradino.
Il tutto era amplificato dalla sua naturale e pacata eleganza, dal suo principesco atteggiamento, dalla sua connaturata aristocratica sobrietà.
Sobrietà che scricchiolò solo per pochi secondi durante uno dei primi giorni di scuola. Quando Anna si presentò in classe con un volantino di un negozio di giocattoli. E io mi avvicinai, come gli altri, per dare un'occhiata.
"E' inutile che guardi. I tuoi genitori fanno gli operai: non te le puoi permettere queste cose", disse lei, perdendo il suo proverbiale aplomb ed esibendo una sorprendente acidità.
"I miei genitori lavorano tanto e mi vogliono bene. Quello che puoi avere tu lo posso avere pure io", risposi asciutta, reprimendo faticosamente il desiderio di attaccarle una caccola tra i capelli.
Questo semplice scambio bastò a farmi guadagnare il ruolo di sua parigrado. I giocattoli non c'entravano niente, era questione di rispetto, dato e dovuto.
A lei piaceva il fatto che io non facessi alcuno sforzo per guadagnarmi il suo affetto.
A me piaceva il fatto che, dietro quella laccatissima maschera, fossero presenti difetti e debolezze. E che solo io conoscessi il suo lato oscuro, più oscuro di tutti, la sua notevole capacità nel fare rutti a comando. 

Sempre un passo dietro alla reginetta della classe, a tenerle servilmente il nobile strascico, c'era Stefania.
Stefania era amica mia solo per sbaglio, per convenzione, per noiosa abitudine.
Lei ed io non avevamo niente in comune, ma ci toccava condividere tutto: la strada per andare a scuola, il cortile, e persino le nostre due migliori amiche. 
Io ho sempre pensato che l'antipatia fosse evidente e reciproca. Ma, in realtà, una volta finite le elementari lei cercò, a differenza mia, di mantenere i contatti. Atteggiamento inspiegabile, se non partendo dal presupposto che Stefania un po' di bene me ne volesse sul serio.
A tal proposito, fu indimenticabile una sua telefonata fattami in terza media. Io ero di corsa e così, semplicemente, finsi che avesse sbagliato numero.
E quando, pochi giorni dopo, lei mi richiamò per raccontarmi il curioso episodio, e aggiungere "Strano, però, al telefono sembravi proprio tu", io negai. Negai con tutta la sfacciataggine di cui ero e di cui sono capace. Negai. Non per proteggere i suoi sentimenti ma il santino di "buona" che faticosamente mi ero autocostruita. Santino che ancora porto con me. Perché peggio delle prigioni che ci erigono gli altri, esistono solo quelle che ci erigiamo da soli.
Buona? Ma buona de che? Posso essere stronza come gli altri. Anzi, no, lo posso essere in maniera molto più creativa ed esuberante della media. E ciò mi riempie d'orgoglio.

L'ultima del gruppo era Ida. La mia anima gemella.
Nella foto di classe Annamaria e Stefania sono sedute, eleganti come due damine e si tengono per mano.
Ida ed io siamo in piedi, dietro di loro, ognuna con il braccio intorno alla spalla dell'altra.
Le prime due sorridono compite.
Noi ridiamo sguaiate.
Loro sembrano appena arrivate da una festa di famiglia.
Noi da un pomeriggio ai giardinetti.

Le cornicette mi hanno portato a ripensare ad Ida e alla nostra amicizia. Ho ripensato che pure in quel periodo di cartoni animati, collezione dei puffi e maglioncini rosa i rapporti potevano essere complicati. Anche se ci si provava, delle volte era difficile rispettare i quadretti del foglio, il tratto diveniva incerto, la matita sbavava, le mani sudaticce si attaccavano alla carta.
Ida era la mia migliore amica. La più migliore di tutte. Meglio di Annamaria. Un milione di volte meglio di Stefania. Eppure litigavamo come cane e gatto. Non ricordo minimamente quali fossero le motivazioni. Ricordo solo che ci urlavamo contro e ci facevamo del male. Passavamo dall'affetto incondizionato alle ripicche più ridicole.
Eppure eccoci là nella foto, abbracciate, testa riccia contro testa riccia, sorridenti. E non solo perché quello era evidentemente un momento di serena tregua, ma perché eravamo amiche sul serio. Non c'era bisogno di troppe spiegazioni. Ci volevamo bene. Nella nostra maniera chiassosa, sconclusionata ma sincera.

Ora che sono passati mille anni le cornicette non le faccio più. Ma litigo ancora, alternando al dolore dello scontro la gioia della riappacificazione.
Ida non la frequento più, ma ho trovato un suo degno sostituto.

domenica 24 marzo 2013

UNIversiTag

Sponsored by BuzzParadise
Ve ne ho già parlato in passato e torno a riparlarvene.
Di cosa?
Della pagina Facebook dell'Unicredit e di tutte le iniziative e possibilità ad essa correlate. Iniziative rivolte soprattutto a un pubblico giovane e ricco d'interessi.

E se qualcuno si sta chiedendo: "Giovane? E tu, Pancrazia, che c'entri?" Sappia che verrà corcato di mazzate a breve. Anzi a brevissimo.

Ma torniamo a parlare di cose serie.
Fino al 5 aprile su Facebook è disponibile UNIversiTag. Un'applicazione legata a UniCredit & Universities Foundation, la fondazione che sostiene e promuove la specializzazione all'estero degli studenti europei più meritevoli. 

Sulla fanpage di UniCredit voi, miei giovanissimi (e secchioni) lettori, potrete condividere le vostre foto.

Ma mica delle foto qualsiasi!
Dovrete scegliere gli scatti che meglio rappresentino i vostri studi passati o attuali.  

Poi, una volta caricata l'immagine, avrete la possibilità di lasciare un ricordo o un pensiero sulla vostra esperienza. E, infine, dovrete taggare (anvedi come parlo gggiovane!) la foto con una delle parole già predisposte dall’applicazione.

Se la vostra immagine sarà approvata, verrà sottoposta al giudizio di una giuria. 

E, se la giuria la dovesse selezionare, il vostro bel faccino finirà all’interno del documento di bilancio della fondazione UniCredit & Universities. 

Che non sarà Vogue e neanche Sports Illustrated ma, con quelle facce lì, che pretendete?!?

venerdì 22 marzo 2013

Il Ricordo in Cinque Sensi

I suoi occhi si aprirono e mi fissarono.
Il viso, pallido e gonfio, ebbe un tremito.

Mi chinai per salutarla. Poggiai la mia mano sinistra sulla sua spalla destra. La camicia da notte era liscia e sottile.

Le baciai il volto.
Il sapore e l'odore erano ancora i suoi: un misto di caramelle alla menta, sapone di Marsiglia e naftalina.

"Ciao". La voce, invece, era solo la mia.
La sua non l'avrei sentita mai più.

martedì 19 marzo 2013

La favola dei 5 sensi

Una volta superato il cancello, la loro attenzione venne attratta dal vezzoso comignolo rosa che puntava verso il cielo. La piccola bocca soffiava un fumo bianco e denso come le nuvole, ma profumato come le fragole selvatiche.

Improvvisamente, da dentro la casa giunse un urlo. Un unico urlo acuto e breve.
Solo questo. E nulla più.

I due non si spaventarono ma corsero gli ultimi metri che li separavano dal bizzarro edificio.
Poi, per guardare dentro, appoggiarono le mani al vetro della finestra.
Si stupirono: non era freddo e neanche liscio. Ma tiepido e ruvido.

"Zucchero", sentenziò Hansel dopo un'unica sapiente passata di lingua.

venerdì 8 marzo 2013

Nella Rete. Ma soprattutto fuori.


Per il terzo appuntamento con la rubrica Nella Rete ho scelto di dare spazio ad un evento che con il web, in realtà, non ha molto a che fare. Ma del resto il blog è mio, la rubrica pure, e faccio e disfo come più mi garba!

Fra meno di un mese, sabato 6 aprile 2013, al teatro Centofiori di Bologna andrà in scena il classico dei classici: Romeo e Giulietta. Ma sarà diverso da qualunque cosa abbiate visto prima. Sarà moderno, ironico e un poco noir.

A dare vita a questa speciale versione ci penserà una giovanissima compagnia teatrale, "La Scene Subite", nata solo nel 2012.

Se siete di Bologna o d'intorni questa potrebbe essere davvero un'occasione da non perdere per vedere un bello spettacolo.
E conoscere Pancrazia.
Ebbene sì, ci sarò anch'io!
Ma non, non vi eccitate. Purtroppo non calcherò le tavole del palcoscenico, ma starò comodamente seduta tra il pubblico.

Sul palco, nei panni di Giulietta, nonché di cofondatrice della compagnia, ci sarà nientepopodimeno che MIA CUGINA!
Che volete che vi dica? Siamo una famiglia di artisti. E ci facciamo spudoratamente (ma meritatamente) pubblicità tra di noi.

L'appuntamento è al teatro Centofiori, in via Gorky 16, alle ore 21.

Le anticipazioni più succose le potete leggere qui.

venerdì 1 marzo 2013

Karonte's Bus (2)

Come già vi avevo annunciato in questo post, nei prossimi giorni/settimane/mesi (chi potrà mai dirlo?!?) scriverò e illustrerò una serie di racconti brevi, anzi brevissimi.
Ogni racconto, un protagonista diverso.
Tutti i protagonisti, il medesimo autobus.
Il 68, il Karonte's Bus.

Le storie si possono anche leggere singolarmente, ma l'ideale sarebbe seguire il loro ordine.
La prima la potete trovare a La Pozione Magica di Eireen.
La seconda qui di seguito.


 
Ogni giorno la stessa storia.
Esco dal campo e cammino per dieci minuti.
Arrivo alla fermata. Arriviamo. Mamma sale sul 77. La mia sorellina sul 13. Io aspetto il 68.

È sempre pieno il 68.
Dò una gomitata a destra e una a sinistra. Una spinta a destra e una a sinistra. Qualcuno mi fa gli occhiacci. Qualcun altro m’insulta. Tutti controllano svelti svelti tasche e borse.
“La zingara. La zingara che ruba.
Attenti alla zingara che ruba!”

Io non rubo. Ma mi diverto a farglielo credere.
Mica mi farebbe schifo rubare. Papà sarebbe così contento ed orgoglioso. Ma ho la mano troppo pesante. Non sono capace.

Eccola là.
La vecchia.
Anche lei tutti i giorni sul 68.
Sempre arrabbiata. O forse triste. Che è molto peggio.

Il primo giorno che la incontrai spinsi anche lei.
Mi fece gli occhiacci. Poi controllò la borsa.

Alla sua fermata ci mise un’ora per scendere con la gamba rigida e un vecchio bastone.
Da quella volta non la spinsi più.
 

Blogger news

Blogroll

About