martedì 26 febbraio 2013

Cronache da Solleftea: Sprint, cadute e grandi campioni

Come promesso, continuano i miei aggiornamenti dalla Svezia.
Per chi li leggesse solo ora, non si agiti, non mi sono trasferita in mezzo alla neve, le biondone, e le librerie Billy. Sono sempre qua, nella città del Grande Gianduiotto, ma ricevo costanti notizie provenienti dal Nord dalla mia storica amica LaMati, membro orgoglioso dello staff della FISIP (Federazione italiana sport invernali paralimpici).

Il tempo in quel di Solleftea è più caldo e soleggiato del previsto. Ciò aiuta sicuramente l'umore, ma è difficile dire l'effetto che abbia invece sulle piste.

Le gare sono cominciate ieri con lo Sprint.
Il percorso purtroppo presentava pendenze eccessive, tanto da risultare persino pericoloso per gli atleti. Non è un caso, infatti, che si siano verificate molte cadute, tra cui anche quelle di Francesca Porcellato e Ronald Ruepp, due tra i nostri nomi di maggior spicco.

Sportivi con... no, non mi viene nessuna versione edulcorata...sportivi con i controca##i!

Giusto per farvi capire il loro livello, oggi vi butto là, come se nulla fosse, i "numeri" di Francesca. 
La meravigliosa rossa di Castelfranco Veneto vanta otto partecipazioni ai Giochi paralimpici.
Sei agli estivi nella squadra di atletica leggera. E due agli invernali in quella di sci di fondo.
Finora, tra atletica e sci, ha conquistato undici medaglie olimpiche, nove mondiali e dieci europee.
E non è da escludersi che i miei numeri non siano aggiornati e quindi un poco al ribasso.

Insomma, l'Italia a Solleftea ha mandato fior fior di atleti: ci vorrà ben altro che delle piste discutibili per fermarli. 

Forza azzurri, noi facciamo il tifo per voi!

domenica 24 febbraio 2013

Ospite a La Pozione Magica

La scorsa settimana ho ricevuto una proposta indecente.
Una di quelle proposte a cui io non riesco proprio a dire di no.
Una di quelle proposte che sono al tempo stesso un onere ed un onore.

Eireen, meravigliosa blogger tenutaria de La pozione magica, mi ha chiesto di scrivere un guest post. Di lasciare la mia immeritevole traccia sulle sue pagine.

A me andava la scelta del contenuto e della forma. Insomma, avevo carta bianca.
Cosa c'è di più terribile di avere completamente carta bianca?
Per me, miss AnsiaDaPrestazione, niente!

E, infatti, mi è servita più di una settimana per riuscire a fare un poco di ordine tra i pensieri ed i progetti.
Ho scritto un'intera storia per poi buttarla nel cestino.
Mi sono interrogata senza trovare risposta.
Alla fine, però, mi è venuta un'idea. Un'idea per il blog di Eireen e anche per Radio Cole.

Nei prossimi giorni pubblicherò dei piccoli racconti illustrati. Ogni racconto sarà incentrato su un unico personaggio. Ogni personaggio avrà in comune con gli altri solo il fatto di viaggiare accidentalmente sullo stesso autobus: il 68, il Karonte's Bus.

Il primo di questi mini racconti lo potete già trovare a La Pozione Magica.
Gli altri, nei prossimi giorni/settimane/mesi, su Radio Cole.

E, già che andate a trovare Eireen, vi consiglio di dare un'occhiata a tutti i suoi post, gli Esorcicci di stile, gli Omaggi, i Flussi di Coscienza, etc etc...

Buona lettura!

sabato 23 febbraio 2013

Cronache da Solleftea

Ieri sera mi è arrivata questa email:
Inviata speciale dalla Svezia a Blogger gianduiottiana...

Dopo un lungo viaggio che ci ha visti gironzolare per 3 aeroporti ed un tragitto in bus tra i neri boschi svedesi, cumuli altissimi di neve e simpatiche renne curiose, eccoci finalmente arrivati a Solleftea.
L'albergo e' decisamente nuovo (non è neanche finito) e molto al di sopra dei nostri standard. Disfatti i bagagli e docciati, ora ci fiondiamo negli spettacolari letti, sotto morbidi piumoni e tra infiniti cuscini.
Se riuscirò ad emergere, domani faremo una perlustrazione della struttura e delle piste. Per poi andare ad una rigenerante sauna con piscina mozzafiato.

Secondo me, domattina ci dicono che c'è stato un errore e ci trasferiscono in una gelida dependance in mezzo ai boschi!
Baci!

LaMati

Che ci fa LaMati (come chi? Lei!) in Svezia tra saune, piste da sci, e renne curiose? Ve lo dico io!

L'amichetta mia è entrata da poco a far parte ufficialmente dello staff della FISIP, Federazione Italiana Sport Invernali Paralimpici.
Ella, forte di un'ottima conoscenza dell'inglese, fa la splendida durante le conferenze stampa, gira il mondo, vede paesaggi mozzafiato, raccoglie storie incredibili, e mi fa schiattare d'invidia.

L'anno scorso è stata in Siberia. In mezzo al nulla. E in pieni anni '70.
Un mese fa nel Wisconsin. In mezzo al nulla. E in pieni anni '90.
Ieri è arrivata in Svezia. In mezzo al nulla. Epoca ancora da definirsi.
In effetti, ora che ci rifletto bene, le invidio l'esperienza umana ma molto meno le destinazioni da pinguino eremita.

L'appuntamento che ha portato LaMati in Scandinavia è quello dei mondiali paralimpici di Fondo e Biathlon.
E, per l'occasione, a Pancraziuccia vostra è venuta un'idea geniale, una delle tante.
Ella, infatti, si è detta: "dato che l'amica mia e tutti gli atleti dopo gli allenamenti e le gare non sanno come far passare la giornata, perché non chiedere a lei e, di conseguenza, a tutti loro di riempire i tempi morti raccontando un po' quello che fanno?"

Che in Italia si parli poco degli sport cosiddetti minori è cosa risaputa, e che non si parli affatto di quelli paralimpici è cosa dolorosamente evidente. E ve lo dice una che, da torinese, ha visto con i propri occhi la differenza abissale di copertura mediatica, organizzazione, e sicurezza tra olimpiadi e paralimpiadi.
Quindi, ho deciso che, per una volta, invece di limitarmi al lamento senza costrutto (cosa che mi riesce benissimo) cercherò nel mio piccolo (piccolissimo) di fare qualcosa di utile, sopperendo a tale mancanza.
Nelle prossime settimane su Radio Cole verrà dedicato ampio spazio a questa realtà. A questi Azzurri che fanno sventolare il tricolore e collezionano medaglie in giro per il mondo.

Volete avere notizie circa i Campionati Mondiali di Fondo e Biathlon a Solleftea, in Svezia?
Bene, nei prossimi giorni passate di qua.
Troverete curiosità, risultati delle gare, e (spero) qualche foto.

LaMati e Pancrazia vi stupiranno!

giovedì 21 febbraio 2013

Nella Rete: Daniel Cuello

Ho "incontrato" Daniel Cuello su twitter più di un anno fa.
Appena ho visto il suo sito mi sono ripromessa che, prima o poi, ne avrei parlato su Radio Cole.
E quale occasione migliore se non la mia fresca fresca rubrica "Nella Rete"?

Daniel disegna racconti e illustrazioni.
Narra storie attraverso le immagini.
Crea poesie e suggestioni con il suo tratto deciso e mai banale.

Autodidatta dal grande talento, mischia al piacere del racconto quello delle immagini in un equilibrio delicato e originale.

Trai tanti lavori e progetti che potete trovare sul suo blog vi segnalo in particolare People. Una carrellata di facce, persone, espressioni, personaggi.



Bravo, eh? Ve l'avevo detto!

mercoledì 20 febbraio 2013

Pensieri. Dal volante al blog.

Non guido spesso.
Quando lo faccio, di solito, m'innervosisco.
M'innervosisce il traffico e mi esaurisce cercare parcheggio.
Come a tutti, del resto.

Mi piace guidare solo di sera, di notte o al mattino presto.
Insomma, mi piace guidare quando ci sono poche macchine in giro.

Molti anni fa, quando lavoravo in una birreria vicino a Porta Nuova, mi piaceva tornare a casa in piena notte. Da sola.
La mia vecchia Peugeot sfrecciava per un Corso Vittorio muto e sordo.
Il corpo era stanco ma la mente ancora vigile. Il desiderio del riposo si alternava con il piacere di una città tutta per me.
A quell'ora erano solo quindici minuti di strada e delle volte era difficile resistere alla tentazione di mettermi a girare in tondo, per godere un poco più a lungo di quella solitudine e di quella pace.

Quando lavoravo ancora all'AVIS mi alzavo tutte le domeniche all'alba.
Tutte le domeniche. All'alba.
Sarebbe stata una tortura insopportabile se, oltre la salita del garage, non ci fosse stata ogni volta una Torino ancora addormentata ad attendermi.
Nessuno per strada. Nessuno sui marciapiedi.
Ed io, al sicuro nel mio bozzolo scarlatto, che facevo progetti, cantavo e ballavo.
Amoreggiavo con una città che era tutta mia.

Ieri sera ho riscoperto quella vecchia sensazione.
Non era poi così tardi ma le vie erano già quasi completamente sgombre.
C'ero solo io.
Io per i miei corsi grandi e vuoti.
Io con i miei pensieri e i miei spazi.
Io ancora padrona di questi luoghi.
Io come tanti altri. Ma più di tanti altri.
Io.

martedì 12 febbraio 2013

Nella Rete: "Buongiorno, sig. Bellavista"

Da oggi sulle sfolgoranti pagine di Radio Cole si apre una nuova rubrica, un appuntamento settimanale con i tesori presenti Nella Rete, con tutto ciò che di bello, creativo e innovativo si trova navigando tra blog, siti, social network e chi più ne ha più ne metta.

La mia passione e la mia curiosità per i talenti sparsi nel web è cosa nota. Più volte in questo blog vi ho proposto iniziative e soggetti che, secondo me, meritavano la vostra attenzione.
D'ora in poi però questa mia attitudine da "scopritrice di talenti wannabe" sarà ancora più sfruttata e setaccerò la rete per voi (e per me) in cerca di piccoli e grandi tesori.

Con il primo numero di questa rubrica ho deciso di partire col botto, tanto che mi è già venuta l'ansia da prestazione per il secondo e la necessità di mantenermi all'altezza.

Tempo fa vi proposi "Motore", un corto di Alessandro Marinaro. Oggi raddoppio con "Buongiorno, sig. Bellavista", scritto e diretto sempre dallo stesso regista catanese.

Trenta minuti di emozioni e poesia.
Un cast sorprendente per un racconto sul piacere della scoperta. La scoperta della vita, del mondo, di tutto ciò che ci circonda. Un piacere che ci nutre, ci rinvigorisce e ci rende persino più graziosi.
Una scoperta che può avvenire attraverso gli occhi, le mani, una cinepresa o anche una penna. Questo Marinaro non lo dice, ma lo aggiungo io.

Non sono un'esperta di cinema e non voglio atteggiarmi a tale. Vi propongo questo film solo perché mi ha sorpresa e conquistata. E, del resto, vi pare poco?
Tra lo svolgersi dei dialoghi ho ritrovato una familiarità passata. Tra le immagini e la corsa forsennata del protagonista una presente e futura.
In effetti è questo che fanno i personaggi che Marinaro ama rappresentare: corrono! Alcuni scappano dai propri sogni altri si buttano in braccio alla vita. Di sicuro non stanno mai fermi.

Buona visione!

Entrambi i corti, sia "Motore" sia "Buongiorno, sig. Bellavista", partecipano alla seconda edizione del concorso "Short Movies" promosso da La3. Per votare e dare un'occhiata anche agli altri partecipanti andate sulla pagina Facebook ufficiale.

lunedì 11 febbraio 2013

Ci riprovo

Deve esserci un errore. Ci riprovo.

Ci siamo visti per una sola ora in quel locale.
Da quel momento la mia vita non è stata più la stessa.

Mi manca. Mi manca come l'aria che respiro. Mi manca come l'acqua che mi disseta. Mi manca come il cibo che mi nutre.

Un incontro casuale. Gomito a gomito aspettando la consumazione al bancone del bar.
Un bel sorriso, una fossetta sulla guancia destra e gli occhi che si facevano piccoli piccoli.
Luca. Che nome meraviglioso.

"Maria? Bello. Così semplice"
Mi è bastato questo per capire che fosse quello giusto.

Gli altri erano stati solo pallidi surrogati.
Errori.
Piccole sviste lungo il percorso che mi aveva portato fino a lui.

Abbiamo trascorso un'ora, seduti fianco contro fianco.
Ci siamo raccontati. Storditi di chiacchiere. Ubriacati del reciproco interesse.

Studi. Famiglia. Amici. Passioni.
Ogni cosa che s'incastra perfettamente.
Le mani che si sfiorano. Il rossore sulle guance. Il suo sguardo sulle mie labbra.
E ancora parole, parole, parole.
A soffocarsi.
A sollevarsi.
A reinventarsi.

Seduti per terra, in un angolo, al buio.
Gli altri costretti a scavalcarci.
Al sicuro, protetti dal mondo, lontani da tutto.

Complicità.
Intimità.
Intensità.

Perfezione.

Certe coppie ci mettono una vita. Ad alcune neanche basta.
Ma a noi no. A noi è stata sufficiente un'ora per chiudere il cerchio.
Per trovare l'equilibrio.
Per ricongiungerci come le due metà di una mela.

Luca è mio ed io sono sua. Per sempre.

Gli ho detto tutto di me.
Tutto.
Sa che mi mangio le unghie.
Sa che dormo sul fianco sinistro. E russo.
Sa che ho rigato la macchina a Sandro dopo che mi ha lasciata. Che ho molestato telefonicamente Pino per non avermi invitata ad un secondo appuntamento. Che ho investito Roby con il motorino, dopo che si è rimesso con la sua ex. Che ho avvelenato il cane di Marco perché era evidente che tentasse di separarci. Che ho rotto il femore alla nonna di Gino perché diceva che non andavo bene per suo nipote.

Gli ho detto tutto di me.
Tutto.

"Ora devo proprio andare"
"Ci scambiamo i numeri?"
"Ma certo"

Ci riprovo.
Numero inesistente.
Non è possibile.

Deve esserci un errore. Ci riprovo.

venerdì 1 febbraio 2013

Word Genius

Vi avevo già parlato, in un articolo precedente, dell'ottima pagina Facebook di Unicredit, e della possibilità di partecipare a concorsi il cui tema ed i cui premi appartengono al mondo dell'arte, della cultura, e agli interessi dei più giovani.
Anche molto più giovani di me, purtroppo. Sob.

A partire da questi giorni e fino alle ore 16 del 29 marzo, è possibile partecipare al concorso Word Genius.
Un quiz che mette alla prova la nostra conoscenza dell'italiano e ci rende dolorosamente consapevoli delle nostre imbarazzanti lacune.


Ma come si fa?
Ecco, vi dico come ho fatto io.
Passo passo, perché ormai, dopo tutti questi anni di blog, non sono invecchiata solo io ma anche voi, miei stagionati lettori.

Quindi, prima di darci tutti al Bingo, spariamoci le ultime cartucce con i concorsi online.

Ci si collega alla pagina Facebook di Unicredit. Si clicca sul link dedicato a Word Genius. Si diventa fan e poi...
E poi si gioca.

Prima, però, bisogna scegliere il livello di difficoltà ed il conseguente premio in palio.
Si va dal facile, al medio, per concludere con il difficile.
Ed i premi vanno da un buono per la Feltrinelli, a un Kindle Paperwhite, per finire con un Samsung Galaxy.   
Fanno eccezione solo i possessori della genius card, che hanno la possibilità di vincere un Samsung Galaxy Note 10.1.


Io, ovviamente, spocchiosa da par mia, mi sono subito buttata sul difficile. Facendo una figura di quelle che non si dimenticano.
Quindi sono passata al livello medio. E ho, con una gran botta di fortuna, fatto un figura decisamente migliore! Ora non mi resta che sperare di essere estratta tra i fortunati vincitori.

In bocca al lupo a tutti! E soprattutto a me!

 

Blogger news

Blogroll

About