mercoledì 24 aprile 2013

Sono una Cole

Gli italiani si dividono tra Settentrionali e Meridionali. Continentali e Isolani. Montanari e Costieri.
Gli italiani si dividono in mille modi diversi.
Noi e Voi.
Voi e Noi.

Chi siamo noi?
Chi siete voi?

Noi siamo quelli che non vivono nella terra dove sono nati, cresciuti e morti i propri antenati.
Noi siamo figli di siciliani, calabresi, pugliesi, sardi, veneti. Ma non stiamo in Sicilia, Calabria, Puglia, Sardegna, Veneto.

Noi siamo quelli che quando ci chiedono "Di dove sei?", rispondono "Di..., ma i miei genitori vengono da..."

Io sono di Torino ma i miei genitori vengono dalla Sicilia. Da Palermo. Dalla provincia di Palermo. Da Lercara Friddi.


Io sono quella a cui c'è sempre qualche piemontese che si premunisce di far notare "Tu sei nata qua, ma non sei piemontese."
Io sono quella a cui c'è sempre qualche siciliano che si premunisce di far notare "I tuoi genitori sono siciliani, ma tu no."

Io non lo so di dove sono.
Sono di Torino. Certamente.
Sono anche di Berlino. Per scelta, storia personale e naturale predisposizione.
Sono di Ajaccio col pensiero e di Atrani con i sogni.
Sono di Venere e pure un poco di Saturno.

Io sono della mia famiglia.
Appartengo ai timpuluna di nonna e ai cannoli di zia.
Al tivio. Alla cuccia.
Ai regali del 24 dicembre. Ai ricordi della festa di Costantinopoli.

Io non so cosa si provi a vivere nella stessa terra calpestata dai propri antenati.
Io non sono una quercia con profonde radici.
Io sono una pianta d'appartamento.
Ho il mio vaso. La mia terra.
Ma non fatevi ingannare, non sono una piantina delicata. Posso stare al sole oppure all'ombra. Vicino alla finestra o accanto a una porta. In montagna o in pianura.
Delle volte m'ingiallisco e perdo le foglie. Ma, a quel punto, basta travasarmi e acquisto nuova vita.

Io non ho le radici di un albero secolare ma i miei rami puntano in alto e sono carichi di gemme.

Io sono di Torino. Berlino. Ajaccio. Atrani. Venere. Saturno.
Io sono di questi luoghi e di tutti quelli di cui deciderò di essere.
E sì, sono anche di Lercara. Magari non sono siciliana. Ma sono di Lercara. Là c'è l'inizio della mia storia. Là c'è mio nonno. Là, prima o poi, ci sarò di nuovo anch'io.
E, potrete scommetterci, quel giorno qualche vecchietto si avvicinerà per dirmi: "Una Cole, vero? Si 'na stampa e 'na figura con tuo padre!"
Non ho bisogno di radici profonde. Chi sono e da dove vengo ce l'ho scritto in faccia.

13 commenti:

Alligatore ha detto...

Già, nelle nostre vene scorre sangue proveniente da posti così diversi, ma così diversi, che sarebbe naturale abolire qualsiasi confine ...

Juhan ha detto...

Argomento troppo ampio per un solo commento; mi sa che ci faccio un post sul blog. Che poi sono d'accordo con l'Alligatore (da qualsiasi parte venga).

Torquitax ha detto...

Pancri, che me lo posso stampare sto post?? Che troppo bello è!! Pensa che io invece ho il problema opposto: radici troppo grosse e ingombranti. La mia famiglia non si è mai mossa da questo sperone di roccia per secoli. Fedelissimi ai loro monti non hanno nemmanco cambiato quartiere!! Alcune donne coraggiose hanno sposato un friulano o un trentino, ma mica si sono trasferite, no no, li hanno portati qua!

Rabb-it ha detto...

Piacere.
Piemontese coi genitori ed i nonni veneti... e il resto del parentame sparso per l'Italia intera, perché giù acqua e su veneti sparpaglia in giro.
Forse qualcuno anche all'estero.
Chissà.

Quanto è bello questo post!

Graziella ha detto...

Bellissimo e poetico, questo post!

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@Alligatore: l'uomo ha bisogno dei confini, sono molto rassicuranti.

@Juhan: non vedo l'ora di leggerlo

@Torquitax: certo e appenditelo in soggiorno! :D
Mi fa molto piacere avere la testimonianza di una quercia.

@Rabb-it: piacere ;) e grazie.

@Graziella: grazie

Licia ha detto...

I tuoi pensieri sono i miei, cara Pancrazia. Io sono nata a Bergamo da genitori siciliani. Io che ho cambiato casa e paesino 5 volte in meno di 30 anni...
Di dove sei? Boh! Ma è importante ESSERE DI UN SOLO POSTO?

Greta ha detto...

Come ti capisco! Io ho radici cremonesi, e mi sono spostata solo vicino a Milano, ma dentro io sono irlandese, romana, normanna, bretone, emiliana... Ogni posto che ho visto fa parte di me, e mi piace non appartenere ad un posto solo!

Paleomichi ha detto...

bellissimo questo post!

Livia ha detto...

Ecco, arrivo tardissimo. Come scrivi bene! E che bello questo post. Ho radici in varie parti d'Italia da una parte di famiglia e profonde profonde dall'altra.

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@Livia: grazie e benvenuta!

Anonimo ha detto...

Ho segnalato questo post... scusami di non averti domandato il permesso prima.

Mara

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=167150300125538&set=a.150471841793384.1073741828.150393218467913&type=1&comment_id=232930&offset=0&total_comments=515

Katia Ostanel ha detto...

E' sempre difficile non sentirsi strattonati dalle parti che compongono quello che siamo...Ti capisco bene!

 

Blogger news

Blogroll

About