mercoledì 8 agosto 2012

Conversazione rubata in treno

"Cosa fai nella vita?"
"L'artista"
"Davvero?"
"Sì, mi occupo di scultura. Moderna. Concettuale."
"Deve essere bellissimo."
"Sì, l'arte per me è tutto. Non potrei mai accontentarmi dell'artigianato. O arte o nulla. Sarei disposta anche a vivere sotto un ponte per la mia arte."
"Che coraggio. Che passione. E ora dove stai andando, hai qualche mostra a Napoli?"
"No, vado a passare un po' di tempo con i miei. A Capri. Nella loro villa."

6 commenti:

AD Blues ha detto...

Anche io ho pensato alla stessa cosa!!!

---Alex

gegge ha detto...

mmmm

a me è partito un meno educato " ma va' cac'!!!"


ehehehhehe

(sorry alla padrona di casa, per il termine )

Paleomichi ha detto...

Anche io sarei stata decisamente meno educata....

ravanello pallido ha detto...

maddai... così siamo tutti buoni ;)

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@ravanello: sì, altro che vivere sotto un ponte...

Eireen ha detto...

Sì, certo come quella mia conoscente che quando è stressata va "nella villa sulla Costa Smeralda che appartiene alla sua famiglia e da lì torna di un rigenerato che non T'immagini. Una ricarica pazzesca!". Ma fatemi il piacere! :-)

 

Blogger news

Blogroll

About