lunedì 29 novembre 2010

La Jane Volante

Oggi ho spiccato il volo.
Non so come ciò sia potuto accadere.
Un secondo prima stavo salendo sul marciapiede. Un secondo dopo ero nel bel mezzo di una spettacolare parabola aerea, terminata con il mio corpo inerme spatasciato al suolo ed il mio adorabile visino a due centimetri da un muro antico, solido e potenzialmente molto molto cattivo.

Non mi esibivo in una caduta tanto catastrofica da quand'ero una bimba. Epoca in cui, imbranata e scoordinata, mi scorticavo le ginocchia due volte al giorno.
A quei tempi però c'era almeno la possibilità di farsi un bel pianto e chiamare la mamma. Ma a trentatré anni no.
Alla mia età certe debolezze uno non se le può più permettere. E quindi mi sono rialzata, ho raccolto le mie cose ed ho ricacciato indietro le lacrime.

Mi sono allontanata dal luogo del delitto zoppicante e dignitosa.
Ma dentro di me frignavo, eccome se frignavo!

12 commenti:

Tendallegra ha detto...

Pancraziettuccinellina mia, tesorina cara.... solo io posso capirti... oh, come posso capirti... vieni qui tra le mie braccia allegre e frigna pure tranquilla tutto il tempo che vuoi. Conosco quel senso di sbigottimento, quel "nonc'hocapitonàmazzacomecavolohofatto?", quel "oddio che vergognaaaaaaaaaaa", quel "MI SONO FATTA PURE MALEEEEEEEEEEEEEEEEEEEE", quel "ohi.. ohi.. ohi.. perchè capitano tutte a me?". Ti sono vicina, ti sto stringendo stretta stretta e ti sto accarezzando la capoccetta riccia santa.

Va meglio?

Ross ha detto...

Anche a me è successo un paio di volte, di cadere all'improvviso a volo d'angelo e di ritrovarmi stesa per terra incapace di muovermi, non per il dolore o la vergogna, ma per la totale sorpresa di essere cascata giù come un sacco di patate, senza un motivo nè una spiegazione. Momenti di interruzione della coscienza, mi verrebbe da chiamarli. Mah.

Alligatore ha detto...

Io cado qualche volta in bici, dei voli spettacolari da non crederci. A piedi non ho ricordi, ma quando c'è il ghiaccio e la neve, qualche caduta la faccio. Spero tu stia bene.

mariacristina ha detto...

E che c'è di strano, a qualsiasi età si può cadere. Spero vada tutto bene, un abbraccio forte

Le FUNKFUNK16 ha detto...

È proprio vero con la maturità si acquistano responsabilità e si perde pure la libertà di "frignare" in pubblico. Hai il mio completo sostegno :-) Lola

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@Alessia: molto meglio. Come farei senza di te???

@Alligatore: le cadute sull'asfalto ghiacciato non contano, quelle sono giustificate anche se altrettanto ridicole. L'anno scorso le mie "interpretazioni di Bambi" sono state spettacolari...non per vantarmi...http://www.youtube.com/watch?v=gSh1eLrxiqs

@FunkFunk16: è come la storia dell'uomo ragno "ad una grande potere corrispondono grandi responsabilità"...a tutt'oggi non ho ancora capito in cosa consista il grande potere però...O_o

Alligatore ha detto...

Grazie per il cartoon, mi riconcilia con il freddo e l'inverno, che non amo....
parola di verifica: cadida

veronica ha detto...

A me è successo in un giorno di sole, in un piccolo paesino della campagna, di Domenica mattina, tutti giù in strada a spiare la novtà del giorno, un gruppo di studenti archeologi. Mi sono alzata, mi sono messa gli occhiali da sole e ho esclamato con tono teatrale: "Buongiorno!". E poi ho dato un cazzotto all'amica che mi chiedeva se mi ero fatta male, stava rovinando la mia uscita di scena. Cribbio.

bussola ha detto...

urca che botta... anche io sono una maestra nel far casini e poi cercare dignitosamente di ricompormi senza dare nell'occhio

suarakamansa ha detto...

tranquilla, io mi diverto come un matto a cadere volontariamente in palestra e involontariamente sulla rampa del garage (domenica scorsa): spaccata di gamba e di jeans

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@bussola: benvenuta! :)

Maurizio ha detto...

E' tutto così straordinariamente dolce.

 

Blogger news

Blogroll

About