lunedì 12 luglio 2010

De senectute

Un uomo distinto.
Un bastone ad agevolarne il passo.
I capelli pettinati all'indietro e lo sguardo fiero.

"Buongiorno. Posso dare il mio contributo o sono fuori tempo massimo?"

Ieri un Novantadueenne è venuto a chiederci se poteva donare il sangue.
Novantadue anni.
Novantadue anni compiuti.

Ovviamente no, un novantadueenne non può donare il sangue.
Lo vieta la legge, la medicina ed anche il buon senso.

Ma incontrare un uomo così è stato un onore.
Quando l'ultimo rappresentante della generazione dei nostri nonni se ne sarà andato, quando non resterà più nessuno di quelli che hanno vissuto la guerra, conosciuto la dignità della rinuncia e lavorato la terra con le mani, questa nostra società sarà ancora più povera e smarrita di quanto già non sia.

17 commenti:

Tendallegra ha detto...

E' già l'inizio della fine.
Purtroppo.

Ross ha detto...

Hai ragione Jane. E forse allora ci troveremo anche con un po' di dolcezza in meno. La dolcezza forte come la roccia dei sapienti.

usadifranci ha detto...

dolcissimi...ma non disperate. io confido nel futuro.
già seneca criticava la mancanza di morale e spessore delle nuove generezioni eppure siamo andati avanti...ogni generazione ha qualcosa di nuovo e speciale che con l'avanzare dell'età sboccia come un fiore...non temete ^^

Alessandra ha detto...

concordo con te: un onore conoscere un uomo così, ma non dispero. Vi sono ragazzi - pochi magari - che hanno questi "principi", li vedo intorno a me e li trovo qui.
Un bacio
Ale

LA CONIGLIA ha detto...

...concordo in pieno...

Lumaca a 1000 ha detto...

lo penso anche io...

Rabb-it ha detto...

Io invece sono perfida e cattiva e mi domando: ma come mai ha aspettato di avere 92 anni, e quindi di non poterlo donare, per farlo?

No perché se non sapeva di non poterlo fare per raggiunti limiti d'età allora non lo aveva mai donato, e se invece lo sapeva.

Voleva farsi vedere gran signore?


Ok mi levo le lenti nere, anche se mi dicono che fa tanto figo avere gli occhiali da sole(spiegategli che son solo lenti fotocromatiche e che i miei occhi ringraziano la spesa cacchio!)

Provo a vedere come mi stanno quelle rosa, ovviamente fuxia... e te sai il perché e se non lo sai... quanto tempo è che non leggi i miei post per non saperlo? :-P

Ok... colle lenti rosa:
Ohhhhhh che adorabile nonnino.
Non è che hai controllato se era scapolo, che gli presento la mia nonna? :-P

Scusa sento un rumore strano?
Dev'essere belzebù che ha scordato le chiavi come al solito.
Al prossimo commento.

Potrei anche lasciartene uno serio e decente prima o poi... oggi non era giornata!
Ciao

suarakamansa ha detto...

magari è ciclico.
adesso siamo in un periodo di "magra" per i valori, perchè le nuve generazioni hanno tutto, subito e facile.
forse un po' di buon esempio proveniente dall'alto e un po di esame di coscienza puo far cambiare le cose.
io DEVO insegnare a mia figlia (14 mesi) che il mondo è bello e il mondo è buono.
io non dispero.

bello vedere un 92enne donatore, ma
un po poco pratico (facile che ti sviene lì).

suarakamansa ha detto...

@suara: commento troppo serioso.
era meglio:
a un 92 che viene in ospedale a chiedere di fare una donazione, la prima cosa che mi viene in mente è: arterio.
2° cosa, concordo con Rabb-it: però si è dimenticato dall'età di 60 anni che la domenica avrebbe dovuto fare una donazione. ogni settimana. dal 1978 si chiede che cosa avrebbe dovuto fare in ospedale!

@jane ok, hai il permesso di bandirmi dal blog

Rabb-it ha detto...

Mi ricordavo di aver parlato di donazioni di sangue una volta anche da me.

http://latanadirabb-it.blogspot.com/2009/04/aaa-cercasi-allarme-antincendio.html

curioso, c'entra le terza età anche lì, anche se non dello stesso tenore.

Sì le lenti fuxia le uso poco, ma te sai bene che io non sono cattiva come sembro.
Mi hai incontrata di persona e lo sai

che

a

dire

la

verità

sono

Molto peggio! ^_^

Trinity ha detto...

Magari ha recentemente conosciuto qualcuno che ha avuto bisogno di trasfusioni e ha pensato di dare il suo contributo :)

mariacristina ha detto...

Dai non essere così pessimista, di ragazze/i in gamba ce ne sono! Prova a guardare nello specchio, mi sa che ne vedi una:)

Simona ha detto...

Io gli avrei battuto il 5! Gimmy five!
Che nonnetti :-)

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

Rispondo un po' a tutti in ordine sparso: io non contrappongo gli anziani ai giovani.
Ho molta fiducia nei ragazzi, so anch'io che molti di loro sono pieni di passione e buona volontà. Ma ho molta meno fiducia nei 40-50enni che, con le dovute eccezioni ovviamente, mi sembrano spesso superficiali, affetti dalla sindrome del "proprio orticello" e anestetizzati da tutto ciò che gli sta attorno.

@suarakamansa: non ti bandirei dal mio blog, ma se dovessi continuare a risponderti da solo ai tuoi stessi commenti inizierò un pochetto a preoccuparmi O_o

claire ha detto...

Io non voglio credere che il nonnino abbia voluto mettersi in mostra, sapendo di non poter donare. Ancora non sono così cinica. Preferisco pensare che quell'uomo sia uno specchio della sua generazione e che abbia voluto fare un tentativo per sentirsi ancora utile..poi magari ha anche qualche cedimento di memoria.. Come risultato posso dirti che hai risvegliato in me la voglia di donare il sanguue, l'ho fatto una sola volta, dovremmo farlo più spesso. Grazie!

Anonimo ha detto...

Che bella questa storia. Anch'io non riesco a credere che l'abbia fatto per farsi bello. Ormai dubitiamo di tutto e di tutti.

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@Claire: condivido appieno la tua spiegazione.

ps: AUGURIIIIIIIIIIIII SPOSINAAAAA!!! :)

 

Blogger news

Blogroll

About