lunedì 5 aprile 2010

E' gradito l'abito scuro

Quest'anno ho partecipato per la prima e, probabilmente, ultima volta in vita mia ad un concorso letterario. E non ho vinto.
Ho scritto il racconto del secolo. E non ho vinto.
E' uno SCANDALO! E' tutta colpa del destino cinico e baro, dei soliti raccomandati, dei giudici comunisti, di Saturno contro, dei servizi segreti e pure della sfiga.
Non ho vinto ma, come avrete già capito, l'ho presa benissimo. L'importante non è vincere, ma partecipare e poi IO SONO UN GENIO INCOMPRESO e LORO PUZZANO.

Comunque non era di questo che volevo parlarvi, ma della premiazione a cui tutti i partecipanti sono stati invitati.
"E' gradito l'abito scuro per gli uomini e il lungo per le donne", mi ha detto l'organizzatrice per telefono.
Ciccio ed io non siamo tipi da serate di Gala. Lui non sa neanche farsi il nodo alla cravatta ed io, ovviamente, non posseggo alcun abito lungo.  Ed è per questo che lui ha opposto una strenua resistenza, condita da crisi isteriche da prima donna e capricci da poppante, ed io ho finto indifferenza, ma mi sono riempita di chiazze rosse ed ho sofferto d'insonnia. Alla fine, però, ha vinto la curiosità di farsi un bel bagno nella morbidosa crème della crème torinese e ci siamo decisi a partecipare. Ma non siamo andati da soli.

Eravamo in 4: Ciccio, CognatoCole, SorellaCole ed io. Perché noi Cole ci muoviamo in gruppo, come gli ovini.
In ordine di apparizione e di decenza:
  • SorellaCole indossava un abito lungo nero ed un giacchetto panna, i capelli raccolti ed il più radioso dei sorrisi. Bella come sempre quella fetente.
  • CognatoCole per l'occasione rispolverava l'abito del matrimonio ed, essendo dimagrito, rischiava seriamente di perdere i pantaloni e rimanere in mutande di fronte a tutti. Purtroppo ciò non si è verificato. Peccato, la serata ne avrebbe sicuramente guadagnato.
  • Ciccio era strizzato in un completo grigio con cravatta rossa.
    Cravatta annodatagli dalle amorevoli mani del cognato che però non ha calcolato la panza del mio consorte, creando un terribile effetto Olio.
  • Ed infine io.
    I miei capelli, colpa del taglio infelice e del tempo orrendo, hanno tenuto la messa in piega per un periodo non superiore ai 5 minuti. E così, sconfitta e quindi incacchiata come una biscia (perché come avrete capito sono una che sa perdere con molto stile), ho dovuto anche sopportare l'umiliazione di un'intera serata con un gatto morto in testa.

Concludo con le illuminate parole di Ciccio: "Bella gente, tanta gnocca, ma il tuo racconto era molto meglio di quello che ha vinto."
Che dolce.
Un porco.
Ma tanto dolce.

13 commenti:

Rabb-it ha detto...

Ma tew dici che è un caso che la parola da scrivere per poter postare fosse PSQUABLA? compero una vocale!


Ok... sono sicurissima che ciccio aveva ragione, così sulla fiducia.

Però sono anche curiosa che la metà basta, per cui... tu ora posti il racconto.

Poche storie!

^_^

Ah... variante del motto olimpico, semmai ti servisse!
L'importante è partecipare, evitando di pareggiare e di perdere!

^_^

Tendallegra ha detto...

caruccio.... ma sempre porco.... Oh povero Ciccio !!!!!

P.S. Lo sai che per noi sei comunque tu la vincitrice, vero? Ed anche se non ti frega una cippa, sappi che amiamo molto il tuo stile.
In tutti i sensi.... :))))

P.S.S. Devo assolutamente darti il numero di quell'angelo/genio/amoredellavita/sognodiognidonnariccia del mio parrucchiere... si si si....

Bea ha detto...

Posta il racconto! Posta il racconto!
Altro che premi letterari, vuoi mettere la soddisfazione dei nostri commenti?
;)

mafalda ha detto...

Ahahahahaahah, è un grande Ciccio!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Voglio leggere il racconto e sono sicurissima che non hanno capito un accidente, che erano comunisti e raccomandati e che puzzavano a carogna!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!
Bacio
Mary

mariadiego ha detto...

... il racconto è veramente molto bello se Jane si deciderà a postarlo mi raccomando pronti con i fazzoletti ... come al solito io sono di parte ma cosa ci volete fare amore di sorella ... volevo spezzare una lancia per il gatto in testa a Jane... come al solito lei è ipercritica e non è affatto vero che stava male, anzi se il suo era un gatto morto il mio era un gatto morto e pure accartocciato ... abbiamo la stessa pettinatrice :-( ed eravamo sotto lo stesso cielo pieno di stelle e umidità

Ross ha detto...

Un concorso in cui mi avessero di fatto imposto l'abito lungo io sarei stata solo felice di non vincerlo. Lo so, sono un'estremista in queste cose.

Comunque pubblica qui il tuo racconto: noi amichetti di blog vedrai che ti sapremo dare la giusta soddisfazione!

P.S. Complimenti a CognatoCole. E' il primo uomo che mi sia capitato di scoprire dimagrito dopo il matrimonio. :p

Papàciaocacao ha detto...

Secondo me a quelli della giuria è venuto pure il cagotto...

PS Davvero, come ha fatto cognatocole a dimagrire dopo il matrimonio? è contro natura...

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@Miei amichetti adorati: il racconto, per correttezza, non lo posso postare. E' stato inserito in un libro, in vendita in un negozio di Torino, i cui proventi andranno in beneficenza.
Ma, comunque, grazie per la stima "a prescindere" :D

Lumaca a 1000 ha detto...

si però non ci hai detto com'era il tuo vestito ;)

Rabb-it ha detto...

Macché stima a prescindere?

Noi ti si legge da un po' non è a prescindere, è fiducia nelle tua innate capacità, ampiamente dimostrate e verificate qui!

ok fuori il titolo del libro che magari lo si piglia. (Ho scritto magari e te sai anche il perché...)



Ah... leggo ora il commento di Ross e mi rendo conto che ho scordato di dire una cosa.

Mi risparmio di scriverla, Ross ha già espresso anche il mio pensiero sulla cosa dell'imporre il vestiario!

Io che risparmio parole... spetta che recupero...o domani nevica, e non mi va, proprio no!

No decisamente non ho risparmiato lettere, posso anche dare l'invio al papiretto!

Buonanotte!

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@Lumaca: normalissimo abitino blu, lungo fin sotto il ginocchio. Elegante, ma comoda.
Il vestito lungo l'ho evitato, mi avrebbe fatta sentire "addobbata" per Carnevale. Ed io ODIO il CArnevale!

lucia ha detto...

ha ragione ciccio. il tuo era migliore. eccheccacchio.

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@lucia: eccerto! :D

 

Blogger news

Blogroll

About