giovedì 19 marzo 2009

Il Rancore

In terza media Jane andò in gita in una ridente località piemontese, dove ci si poteva dedicare all'equitazione, al tennis, al tiro con l'arco ed anche al nuoto.

Durante un'ora trascorsa in piscina, la piccola e fragile ragazzuola fu vittima di uno scherzo da parte di Max. Un compagno affatto piccolo ed affatto fragile: un metro e 60 per 100 kg.
L'"esile virgulto" attaccò la malcapitata alle spalle e cercò di infilarle la testa sott'acqua, ma la giovine se ne stava appoggiata con i gomiti al bordo della vasca e così, invece di finire direttamente sotto, prima subì un'iperestensione del collo.
Un dolore pazzesco!!!

Nel giro di pochi minuti ella divenne rigida come uno stoccafisso e per qualche giorno non poté girare la testa né a destra né a sinistra.
Ma quando mammaCole, furiosa con il buzzurro che tanto dolore aveva provocato alla sua bambina, minacciò di andare a parlare con i genitori di lui, la piccola Jane si oppose.

Il misfatto,dunque, passò impunito, ma la vostra blogger non ne ha mai perso memoria. A distanza di anni, il collo continua a darle periodicamente fastidio. Finora erano doloretti sopportabili, ma la settimana scorsa, per un banale colpo d'aria, si è ritrovata completamente bloccata.

L'altra notte, nel proprio letto di dolore, ella ha passato il tempo a pensare al suo compagno di scuola ed a pentirsi di non averlo preso a mazzate o almeno ad insulti quando se lo sarebbe meritato.
Insonne e dolorante, si è cullata nell'illusione che, per giustizia divina, anche il perfido Max fosse sveglio, preferibilmente in balia di un attacco di colite.

Jane Pancrazia Cole ha compreso cos'è il Rancore.

lunedì 9 marzo 2009

Cole's family has a party

Sabato, mammaCole e le sue figliole hanno tessuto la tela del loro piano diabolico. Obiettivo da perseguire: raggirare lo sprovveduto papàCole e mantenerlo all'oscuro della festa prevista in suo onore alle 22 e zerozero.

La mamma ha cercato di tenerlo occupato tutto il pomeriggio, stordendolo con una serie infinita di compiti da svolgere e richieste da evadere. In pratica è stata rompiballe come al solito, ma questa volta l'ha fatto per una buona causa.
Jane si è occupata della parte dolciaria: ha ordinato una torta mastodontica e delle paste secche dal peso specifico pari a quello del piombo e poi ha occultato il tutto; resistendo stoicamente alla tentazione di intrattenersi in una solitaria orgia di panna e cioccolato.
SorellaCole, detta anche GolaProfonda, si è concentrata sul compito affidatole: non spifferare niente. Lei, consapevole dei propri limiti, per sfuggire qualsiasi tentazione, si è chiusa in casa, ha staccato il telefono e si è imboscata nello sgabuzzino a risolvere sudoku per tutto il giorno.

Alle 20 e zerozero, in perfetto orario con il rullino di marcia, l'allegra famigliola ha messo i propri piedini sotto il tavolo del ristorante ed ha proceduto all'ordinazione di lussuriosi piatti a base di pesce.
Tra vongole, cozze e scampi il tempo è volato, ma mentre il festeggiato si abbandonava all'estasi ittica, i cospiratori non hanno perso d'occhio l'orologio ed alle 21 e quarantacinque erano tutti sazi, incappottati e pronti per tornare a casa.

La mater familias, preso il consorte sotto braccio, ha proceduto lentamente, molto lentamente, molto molto lentamente verso la Cole macchina.
Mentre le figlie ed il genero preferito (beccati questa Ciccio!) sono zompati sull'auto di quest'ultimo. SorellaCole non ha avuto neanche il tempo di esclamare: "Mi raccomando, dobbiamo fare in fretta!", che il di lei marito era già partito sgommando.
Un percorso di un quarto d'ora è stato compiuto in 5 minuti scarsi: Jane, per la paura, ha perso un paio di anni di vita, ha acquistato qualche capello bianco ed ha visto la Madonna ad un semaforo.
Ma l'importante è che i tre siano arrivati in tempo per tirar fuori le vettovaglie ed accogliere gli ospiti.

Alle 22 e zerozero, papàCole ha aperto la porta ed ha trovato ad attenderlo una casa piena di parenti ed una tavola imbandita.

All'1 e 30, quando l'ultimo invitato si è chiuso la porta alle spalle, il capofamiglia ha esclamato: "Che fortuna che abbiano avuto tutti l'idea di presentarsi qua alla stessa ora. Sembrava quasi una cosa organizzata!"

E' ufficiale: non siamo noi ad essere delle moderne Mata Hari, abili nel tessere piani diabolici, è lui ad essere un tantino rimbambito.
Ma a noi piace così.

Tanti auguri papà!

venerdì 6 marzo 2009

Furia cieca

Domani, 7 marzo, papàCole compirà la bellezza di 70 anni tondi tondi.
Per l'occasione le sue donne hanno organizzato una cena con annesso party a sorpresa.
In un tripudio di cozze, spaghetti allo scoglio, torta e pasticcini il pater familias verrà festeggiato da tutto il parentame al gran completo.

Ci saranno tutti.
Tutti tranne Ciccio.
Egli non può sollevare l'augusto sederone dal Trentino, ha da fare, si scusa tanto, ma non può abbandonare degli impegni inderogabili.

Jane non è arrabbiata.
No.
E' proprio inc@zz@ta nera.

giovedì 5 marzo 2009

Non c'è limite al peggio

Il senatore Franco Orsi del PDL ha prodotto una bozza di legge per liberalizzare la caccia. Il risultato è un'accozzaglia di mostruosità rivoltanti.
L'elenco completo lo trovate a questo link, io intanto vi segnalo alcune perle:
  • eliminazione delle specie "particolarmente protette", come orsi, lupi o aquile reali, che in Italia non godranno più delle protezioni previste dalla normativa comunitaria;
  • licenza di caccia a partire dai 16 anni, del resto non si è mai abbastanza giovani per imbracciare un fucile;
  • sanzioni amministrative per le regioni che oseranno proteggere più del 30% del proprio territorio.

Volete un orso marsicano impagliato in salotto? O preferite un lupo adattato a portaombrelli?
Niente di più facile. Basta che attendiate che questa legge aberrante passi ed ogni vostro desiderio potrà essere avverato.

Se invece, come me, inorridite di fronte a tutto ciò, correte a firmare questa petizione e spargete la voce.

martedì 3 marzo 2009

Attenzione: post ad alto contenuto di megalomania!

2 anni fa vedeva la luce Radio Cole.
Avrei potuto ignorare la ricorrenza, oppure farne solo un sobrio accenno, ma perché???
Meglio un post di pura e delirante autocelebrazione: molto più soddisfacente!







Si ringraziano per la gentile partecipazione Marilyn, Stevie, Tina e Paul.
 

Blogger news

Blogroll

About