sabato 22 agosto 2009

Terrore da post bianco

Tre settimane fa mi sentivo estremamente creativa. Decine di meravigliosi post ribollivano dentro di me: l'Erasmus, la mia infanzia, le esilaranti vicende di CasaCole, la televisione, la pubblicità, etc etc...

Mi sono appuntata tutto, aspettando di avere qualche ora da dedicare al blog. Ma ora che sono più libera tutte quelle idee appaiono meno brillanti e molto più opache, tutti quegli spunti sembrano fiacchi e praticamente improponibili.

Che fare?
Buttarsi sulla musica.

Mentre io cerco di superare il blocco della blogger, godetevi Paolino.
Che ne vale sempre la pena.

10 commenti:

SunOfYork ha detto...

effettivamente capita anche a me...io addirittura scrivo il post ma non lo pubblico subito perché magari ne ho appena pubblicato uno, aspetta aspetta quando arriva il momento di pubblicare, non mi piace più e lo elimino :)

bello il video, comunque!
sun

LA CONIGLIA ha detto...

capita anche a me...spesso d'estate, si sarà un pò bollito il cervello lascialo sfreddare :)

Rabb-it ha detto...

Ma no, Jane!

Facciamo così, tu mi fai leggere i tuoi post e io ti dico se sono davvero fiacchi!
E sono sicura che sei troppo critica con te stessa, come tutti quelli bravi a scrivere.


(Oh che sacrificio...pur di avere un anticipo...sui post altrui!)

^_^


Ciao, e scherzi a parte: qui si aspetta di leggerti.
Ma solo se hai voglia di scrivere!

Vero gente?

Ora ci vorrebbe un centinaio di commenti, come da Calanda... così da obbligarla a postare per sfinimento, come ha fatto Calanda anche se era in ferie... ok... lei lo ha detto che ha dei lettori suonati, e con me di sicuro ci ha preso!

http://shockdom.com/open/calanda/2009/08/22/novantotto-novantanove/

Buonanotte, e buona domenica.
^_^

Mario l. ha detto...

Beh, a parte che farsi queste domande il 22 di agosto, non è cosa.
Sappilo.
Poi è la sindrome da "altro-da-fare".
Quando sei impegnato e preso per i capelli da cento cose, hai ogni idea possibile e impossibile riguardante altro. Il classico è con il lavoro o lo studio quando sono particolarmente noiosi.
Quando però hai tutto il tempo per raccontare o fare quelle cose tutto sembra molto più noioso.
Il punto non è che quelle cose sono diventate più noiose nel frattempo, è che tu ti annoi a raccontarle perchè non hai altro da fare.
Troppo tempo libero fa male.
Mo che finisce l'estate ti bacchetto per bene.
Ora ho altro da fare, però...

Ross ha detto...

"Tutte quelle idee appaiono meno brillanti e molto più opache, tutti quegli spunti sembrano fiacchi e praticamente improponibili".
A me, impegnata o no, estate o no, succede praticamente con ogni post. E in media ci metto meno di dieci minuti per passare da pericolosi picchi di entusiasmo ("ah, questo post è perfetto. Sono un genio") allo sconforto più totale ("ripensandoci è una boiata pazzesca. Sono un'incapace").
La stabilità è proprio il mio forte.

Valentina ha detto...

come si dice "canta che ti passa!"...in questo caso suona...

la volpe ha detto...

Ciao cara amica J., effettivamente la tua è una condizione piu' comune di quanto immagini.
Io mi sento come quelli della pubblicità della corciera (te la ricordi?) che piangono al rientro pensando alla vacanza appena trascorsa. Con la differenza che io non ho fatto neanche la vacanza!!!
Bacioni

la volpe ha detto...

Dimenticavo...bravo che hai pubblicato il post sull'Erasmus..lo attendevo da tempo!A quando il prossimo?

Jane (Pancrazia) Cole ha detto...

@Mario: "Quando sei impegnato e preso per i capelli da cento cose, hai ogni idea possibile e impossibile riguardante altro. Il classico è con il lavoro o lo studio quando sono particolarmente noiosi.
Quando però hai tutto il tempo per raccontare o fare quelle cose tutto sembra molto più noioso.
Il punto non è che quelle cose sono diventate più noiose nel frattempo, è che tu ti annoi a raccontarle perchè non hai altro da fare."...il fatto che TU, notaio mannaro con la passione per gli zombie e l'hula hop, riesca a capirmi alla perfezione mi preoccupa non poco! O_o

@La Volpe: in teoria il prossimo post sull'Erasmus arriverà a settembre...mooolto in teoria...

@Valentina: benvenuta!

@tutti: grazie per il sostegno morale :)

Tendallegra ha detto...

Ogni tanto mi viene una vera e propria emorragia da tastiera....scrivo, scrivo, scrivo. A volte ho tantissmi pensieri e non riesco a tradurli a parole, mi succede anche commentando i post degli altri blogger: sento che avrei da dire tantissimi, ma cervello e dita non procedono di pari passo e mi ritrovo a scrivere delle cose, che poi rileggendo, trovo assolutamente banali. Vorrei partecipare alla discussione con un approccio più intelligente e invece sembra che quelle cose le abbia scritte una gallina. Ma perchè? Che siano quelli i momenti in cui bisogna rimettere a posto i pezzi della propria testa?

 

Blogger news

Blogroll

About