martedì 11 settembre 2007

Erasmus (4. Basso profilo)

Berlino. Ufficio Erasmus.
Decine di studenti provenienti da tutta Europa e appartenenti alle facoltà più diverse. Tutti accalcati in una stanzetta a compilare i moduli di registrazione e ad aspettare pazientemente il proprio turno.
Una babele di voci e visi che riempie di eccitazione.
La consapevolezza di vivere un’esperienza unica, un’occasione da cogliere, un'avventura da assaporare attimo per attimo.

Registrazione presso l'ufficio Erasmus, necessaria per essere immatricolati alla Freie Universitaet e rendere edotti gli atenei italici d'origine del proprio arrivo a destinazione.
Quando finalmente toccò a me, tutta sorridente consegnai il mio modulo e altrettanto sorridente salutai e mi avviai verso la porta.
"Aspetti un momento signorina"

Oh cavolo!
Che succede?
Lo sapevo: era troppo bello per essere vero!
C’è stato un errore?
Non ho vinto nessuna borsa di studio?
Vi prego non rimandatemi a casa!!!!!
Vi pregooooooooooo...

..."Si?"
"Lei è italiana e studia medicina?"
"Già"
"Abbiamo bisogno di lei"
"Di me?"
"Dovrebbe partecipare alla cerimonia di apertura dell’anno accademico"
"Cosa???????????"

Alla suddetta cerimonia doveva prendere parte un gruppo rappresentativo di Erasmus: giovani di diverse facoltà e diverse nazionalità. Alla collezione mancavano un italiano ed uno studente di medicina, io, per mia sfortuna, appartenevo ad entrambe le categorie.

"Sarebbe meglio che sceglieste qualcun altro. Io parlo pochissimo tedesco. Anzi, guardiamo in faccia la realtà, non lo parlo proprio!"
"Non c’è alcun problema, non dovrà parlare, ma solo sorridere e stringere la mano al rettore."
"Me lo giura?"
"Si"
"…"
"Allora?"
"Ok…ma so già che me ne pentirò"(ovviamente la conversazione si svolse in inglese!...echevelodicoafare!)

Arrivò il fatidico giorno.
Il mio piano diabolico consisteva nel mantenere un profilo il più basso possibile e cercare di mimetizzarmi con le piante che ornavano la sala.
Arrivare, annuire, sorridere e tornare a casa. Ce la potevo fare! Con un po' di fortuna avrei concluso la mattinata senza figuracce e imbarazzi.

Il mio progetto iniziò a scricchiolare appena vidi il posto assegnatomi: in braccio al rettore!
Altro che passare inosservata, stavo in prima fila, corridoio centrale, in pratica occupavo il posto d’onore tra tutti gli Erasmus presenti!

Il maestro di cerimonia era un tizio alto 1 metro e 50, con i capelli neri, ingellati, pettinati all’indietro ( “alla leccata di mucca”).
Mesi dopo lo rividi per caso in tv, nientepopodimeno che il Bruno Vespa teutonico!
Questi si lanciò in un interminabile discorso sull’importanza della fratellanza tra i paesi Europei e sulla bellezza e utilità di questi scambi culturali tra studenti, tutti concetti positivi, peccato però che il tono da lui usato fosse più adatto a delle truppe germaniche pronte a marciare sull’Europa, utilizzando noi poveri Erasmus come scudi umani!

Riprese la parola il rettore “Bla bla bla Jahr, bla bla bla, wichtig, bla bla bla, Studenten, bla bla bla…” , io, cogliendo una parola ogni tre, mi ritrovai inevitabilmente a pensare ai fattacci miei, fino a quando, con mio sommo orrore, mi resi conto che nella sala era calato il silenzio e che tutti erano girati verso di me!

Oddio che ho fatto?!?!?
Che vogliono tutti?
Mi voltai verso la ragazza che mi era accanto e lei mi ringhiò a denti stretti un “Che stai aspettando? Alzati, tocca a noi!”

Che figuradimerda!...e meno male che volevo mantenere un basso profilo!

Continua...

Prologo
1
2
3

7 commenti:

giorgia ha detto...

...e tutto ciò quando accadde?

[io feci domanda per l'erasmus, una volta, quand'ero gggiovane e al 3° anno di architettura (ovvero EONI fa.). mi misero tra le "riserve": ovviamente prima di me dovevano aprtire la nipote del rettore, la figlia di Mario Segni, la cugina dell'assistente e via così.
Io ho tanti parenti, ma mai una volta che me ne sia stato utile qualcuno, porca paletta... :D]

S.B. ha detto...

Bella figura ! :-)

J.Cole ha detto...

@giorgia:a cavallo tra il 2000 e il 2001...quando ero ancora ggggiovane!
Vinsi la borsa di studio solo perchè eravamo quattro gatti a voler andare in Germania, tutti gli altri si scannavano per la Spagna.
@s.b.: una delle tante! Ho un vero talento per fare figure da polla anche oltre i confini nazionali!

MasterMax ha detto...

ahaha... pensavo di avere l'esclusiva delle figure... o almeno il leone d'oro alla carriera, ma anche questa merita almeno una mozione d'onore!
Grazie per il bellissimo commento!

Ross ha detto...

Ihihih!

Anonimo ha detto...

Ciao! Mi chiamo Samuel e ho vinto una borsa erasmus per Berlino, proprio alla Freie (Parto a Gennaio). Volevo chiederti una cosa... che studentado hai occupato? Io penso di andare a est, verso Friedrichschain, vicino le stazioni di Frankfurter Allee, Storkower Str. e Ostkreuz... cosa puoi dirmi? Viele Danke...

J.Cole ha detto...

@mastermax: gente come noi fornisce un servizio alla comunità. Come farebbero gli altri a divertirsi se non potessero assistere alle nostre "mirabolanti imprese"?
@ross::D
@Samuel: un futuro Erasmus...wow!!!Io stavo a Schlachtensee, ma ormai è stato abbattuto o comunque non è più adibito a studentato. Io non avevo potuto scegliere dove andare, ma se tu potessi farlo non è importante tanto stare ad est o ad ovest, l'importante è non essere troppo periferici. Perchè, per quanto i trasporti a Berlino siano ottimi, la città è molto grande e gli spostamenti possono essere davvero lunghi!
Comunque, per qualsiasi cosa, mandami pure un email (la troverai nel mio profilo), ti risponderò con piacere.

 

About