giovedì 5 luglio 2007

Marc Rosset

All’inizio degli anni '90, in concomitanza ed in conseguenza del mio amore per Boris Becker, nacque la mia passione per il tennis.
Con gli anni divenni una vera esperta, conoscevo le caratteristiche dei vari giocatori, la storia dei più importanti tornei e via dicendo. Questa mia passione seguì di pari passo la carriera del mio “Roscio” preferito e, di conseguenza, andò via via affievolendosi fino a spegnersi verso il 2000.

L’altro giorno, parlando con il mio compagno dei nostri tennisti preferiti di quel periodo, mi sono resa conto che la nostra memoria iniziava ad essere un po’ arrugginita. Vi erano alcuni sportivi di cui ricordavamo il gioco, ma non il nome e viceversa. In particolar modo, mi sono dovuta lanciare in una ricerca in rete per trovare notizie circa un tennista svizzero, alto alto e con il servizio molto veloce di cui io non ricordavo più il nome ed il mio compagno, che dovrebbe intendersene più di me, non ricordava neanche l’ esistenza!
Da questa ricerca è nata l’idea di una nuova rubrica (anche l'unica!) del mio blog: Tennis ’90, per rievocare e dedicare un meritato tributo a tutti quei tennisti di quel decennio che sono finiti nel dimenticatoio! Sportivi con carriere fantastiche, di cui però sono in molti a non ricordarsi più.


Il primo protagonista della rubrica è, inevitabilmente, il tennista svizzero, biondo e allampanato, che mi è costato un'ora di forsennate ricerche su internet:
Marc Rosset!
Nato a Ginevra il 7 novembre del 1970, fu molto promettente fin da ragazzino, arrivando ad occupare il quarto posto del World Junior Ranking nel 1988.
Risale allo stesso anno il suo approdo tra i professionisti e all’ anno successivo la conquista del suo primo torneo. Il 17 settembre del 1989, proprio nella sua Ginevra, batté in finale l’argentino Gullermo Perez-Roldan, dopo essere stato ammesso nel tabellone grazie ad una wildcard. Sempre nella sua città vinse anche il suo primo torneo di doppio nel 1991, in coppia con lo spagnolo Sergi Bruguera.

Un’annata indimenticabile per Rosset fu il 1992, quando si aggiudicò l’oro alle olimpiadi di Barcellona. E’ noto che i tennisti non amino partecipare al torneo olimpico, considerato più che altro un impaccio, egli stesso dichiarò al riguardo "Scambierei volentieri la mia medaglia d'oro con un titolo di Roma o Montecarlo ". Ma durante lo stesso anno si impose anche nel torneo di doppio del Roland Garros in coppia con Hlasek e portò la squadra svizzera in finale di Coppa Davis, dove perse con gli Stati Uniti, nonostante una sua vittoria sull’allora numero 1 del mondo Jim Courier.

Marc diede sempre il meglio di sé per la squadra svizzera e durante gli ultimi anni della sua carriera rivestì anche il ruolo di capitano della squadra di Coppa Davis. Il suo match più memorabile in questa competizione lo disputò contro Arnaud Clement (Francia) nel 2001. Lo svizzero dovette arrendersi al quinto set, che perse per 15 a 13, dopo 5 ore e 46 minuti di gioco. Partecipò anche ad altre competizioni internazionali a squadre, in particolare, nel 1996 vinse il World Team Cup e fu secondo alla Hopman Cup.

Non riuscì mai a vincere un torneo del Grande Slam in singolo, ed il piazzamento migliore che ottenne fu una semifinale al Rolland Garros del 1996, mentre agli Australian Open arrivò fino ai quarti di finale nel 1999 , e sia a Wimbledon (1992) che agli U.S. Open (1995) non andò mai oltre il quarto turno.

Il palmares di Rosset conta 15 titoli in
singolo e 8 in doppio. Ottenuti su tutte le superfici.
In particolare le sue vittorie in singolo furono:
1989, Ginevra;
1990, Lione;
1992, Barcellona(olimpiadi) e Mosca;
1993, Long Island, Marsiglia e Mosca;
1994, Lione e Marsiglia;
1995, Halle e Nizza;
1997, Anversa;
1999, San Pietroburgo;
2000, Londra e Marsiglia.

In doppio vinse:
1991, Ginevra con Bruguera ;
1992, Lione, Roland Garros e Roma con Hlasek,
1992, Adelaide con Ivanisevic ;
1993, Gstaad con Pioline ;
1997, Basilea con Henman ;
1999, Tashkent con Ogorodov.

Nella classifica ATP ha raggiunto la nona posizione (11 settembre 1995), ed in doppio l'ottava (2 novembre 1992).

Con i suoi 2 metri fu uno dei tennisti più alti del suo periodo, e la sua corporatura longilinea gli valse il soprannome di Pippo!
Grazie anche alla sua altezza, uno dei punti forti del suo gioco fu il servizio: veloce e vincente (caratteristica per cui io stessa lo ricordavo!)

Il suo ritiro ufficiale risale all’ottobre del 2005.

Dopo aver appeso “la racchetta al chiodo”, ha aperto un ristorante italiano e una scuola di tennis a Ginevra e tuttora collabora spesso con la tv Svizzera TSR (Télévision Suisse Romande). Recentemente è stato designato membro d'onore da parte dello Swiss Tennis.

L’anno più fortunato di Rosset? Sicuramente il 1998, quando, grazie ad un contrattempo, non salì sul volo 111 della Swissair, che precipitò nell’Oceano Atlantico.


Correzioni e suggerimenti sono ben accetti, grazie.

Nessun commento:

 

Blogger news

Blogroll

About